Maria Antonella Pino

Ha condotto gli studi musicali parallelamente a quelli umanistici. Dopo la Maturità Classica e gli studi al Conservatorio ha conseguito il Diploma di Pianoforte e poi la Laurea in Lettere a Firenze, discutendo una tesi in Storia della Musica sulle ultime Sonate da camera di Claude Debussy, per la quale ha effettuato le sue ricerche presso il “Centre de documentation Claude Debussy”, all’Ircam di Parigi. Si è perfezionata, sempre all’Università di Firenze, in un corso post laurea in “Educazione, Promozione e Produzione Musicale” ed ha seguito negli anni Master classes di pianoforte ( con Maestri quali Aldo Ciccolini, Charles Rosen, Rosalyn Tureck, Alexander Lonquich, Bruno Canino), vari corsi di perfezionamento a livello nazionale e internazionale ( organizzati dalla SIEM, dal Centro di Ricerca per la Didattica musicale di Fiesole, dalla Scuola popolare di musica Donna Olimpia di Roma, dal Centro Studi musicali e sociali Maurizio Di Benedetto, CSMDB ) in Didattica della musica ( C. Delfrati, F. Vaccaroni, G.Piazza) Analisi musicale (J.J. Nattiez) Animazione musicale ( E. Strobino, P.Damiani) Didattica del pianoforte e della musica d’insieme ( A. Rebaudengo, P. Rattalino, W.Fischietti ). Si è perfezionata negli studi pianistici con il Maestro Aldo Ciccolini e in quelli sulla musica del Novecento con il Maestro Giancarlo Cardini, partecipando più volte ai Corsi GAMO. Dopo aver vinto un Concorso a cattedra per l’insegnamento della musica, ha capito che per potersi divertire a fare questo lavoro avrebbe dovuto farlo diventare l’ambito di una ricerca continua. Ed allora si è dedicata alla ricerca sulla didattica strumentale, in particolare del pianoforte e della musica d’insieme, constatando le lacune in questo campo presenti in Italia e la necessità di studi specifici e sperimentazioni. Si è così trovata a seguire in un certo senso l’orientamento presente all’estero, ad es. al Conservatorio di Parigi, in cui gli studi e le carriere prevedono ad un certo punto la scelta tra il ramo concertistico e quello didattico, dando pari importanza e dignità a questi due differenti settori del “mestiere” di musicista. Come strumentista non ha tuttavia mai perso il piacere di “giocare” con la musica, sperimentando varie dimensioni musicali, come ad esempio la musica lounge, orientamenti jazz, sperimentazioni contemporanee applicate ad altri linguaggi, o la musica popolare brasiliana ( per un periodo ad es ha suonato nella “Blue Bossa Band”, un gruppo di bossa nova che si è esibito dal 2004 in varie piazze di Firenze e della Toscana). È convinta che quando l’aspetto giocoso della musica diminuisce o addirittura scompare ( a volte scompare) non vada bene! Ha insegnato pianoforte e musica d’insieme in scuole medie sia inferiori che superiori ( Liceo umanistico-linguistico “Pascoli” e Liceo musicale “Dante” di Firenze ), sperimentando ed elaborando per questo insegnamento un proprio personale approccio, di ispirazione fenomenologica e basato sulla coscienza del corpo, di cui ha descritto principi e procedimenti in convegni nazionali, cui è stata invitata in qualità di relatrice, e in varie pubblicazioni su riviste di cultura e pedagogia musicale ( “Musica Domani” “BeQuadro” “ L’ErbAmusicA” ecc). La convinzione di fondo del suo fare didattico è che è sempre il lavoro sulle difficoltà, piuttosto che sulle “abilità”, la strada privilegiata, perché è solo la difficoltà in grado di rivelarci le nostre più intime caratteristiche, risultando allo stesso tempo il più potente rivelatore delle nostre autentiche potenzialità. Lo scopo ultimo resta, attraverso il lavoro sul corpo e con la musica, il famoso “conosci te stesso”, strada maestra verso la autorealizzazione. Gli ultimi interessi creativi di M.Antonella Pino riguardano l’uso espressivo della voce recitante. Dopo un periodo di formazione specifica si esibisce in reading multimediali con il gruppo “The Readers”, occupandosi anche del montaggio tra i diversi linguaggi espressivi. Insegna Pianoforte all’Istituto Comprensivo Masaccio dall’anno scolastico 2017-2018.